Rassegna stampa

L’Eco Di Bergamo – Roberto Vitali

Al Carroponte: è il nome di un nuovo ristorante, anzi no, di un nuovo eno-bistrot, aperto da pochi giorni in zona semicentrale, a Bergamo Bassa, in via De Amicis 4, nei pressi del rondò di via Carducci-via Leopardi. Il nome, originale, prima di tutto: “carroponte – recita il vocabolario – è una macchina usata per il sollevamento e il trasporto di grossi carichi a breve distanza mediante carrelli scorrevoli su una travatura metallica”.

Essendo il nuovo locale ricavato in una ex officina, il carroponte è rimasto lì ed ora – lucidato a nuovo e funzionante – solleva pregiati prosciutti spagnoli “Pata negra”.

Al Carroponte nasce dal desiderio e dalla volontà del maître sommelier Oscar Mazzoleni e della imprenditrice Silvia Mazzoni, titolare dal 2003 del Tucans Pub a Bergamo Alta. Insieme hanno fatto società, il che permette per la prima volta a Mazzoleni, arrivato ai 35 anni sempre alla direzione ma alle dipendenze di locali altrui (l’elenco sarebbe abbastanza lungo, l’ultimo è la Macelleria Motta di Bellinzago Lombardo), di misurarsi direttamente con le proprie capacità che tutti – io compreso – gli riconosciamo.

«Al Carroponte – spiega Mazzoleni, sommelier professionista Ais e socio Amira, l’associazione dei Maitres italiani – si propone come un locale adatto a ogni occasione, grazie alla sua anima versatile: informale enoteca e wine bar, gastrobistrot e ristorante. Una soluzione precisa per ogni necessità, dall’aperitivo al dopo teatro. Anche i cocktail avranno il loro spazio, grazie alle raffinate proposte di Felice Scala. Il tutto, senza dimenticare l’offerta specifica per il business lunch, sinonimo di qualità al giusto prezzo (12-15 euro, vino e caffè compresi), servita nei tempi dettati dalle esigenze del cliente. La cucina è firmata da Alan Foglieni, giovane e creativo chef dalle numerose esperienze anche internazionali, ora stabilmente al comando della cucina di Al Carroponte. Alan e Felice sono il mio braccio destro e sinistro».

La location è ottima. Un quartiere tranquillo, parcheggio agevole, ingresso invitante con spazio verde all’aperto, interno giocato sui colori del beige, del legno e del ferro. Singolari, nella zona enoteca, gli sgabelli con sedile a forma di tappo. Entusiasmante una parete intera ricoperta da scaffali colmi di bottiglie (e che vini…) per complessive 450 etichette.

La prima zona che si incontra è quella del bar, circolare, dove degustare aperitivi in abbinamento a finger food particolarmente curati. Qualche passo avanti e siamo in zona enoteca, di fronte alla parete coperta da bottiglie, dove scegliere il vino da abbinare a piatti freddi di salumi e formaggi selezionati. Per chi sceglie il ristorante vero e proprio, ecco la zona dedicata con una quarantina di coperti e un menù corto ma ben equilibrato tra pesci e carni, paste e risi. I menù a disposizione, quindi, sono quattro: quello dei finger food o piccole proposte (cinque assaggi a 10 euro), quello dei piatti freddi in enoteca, quello vero e proprio del ristorante, quindi la lista dei dolci. Quinta lista quella dei vini, con le 450 etichette, tutte servibili al bicchiere.

Mazzoleni e i suoi collaboratori vogliono lavorare sodo e non si tirano indietro, costi quel che costi. Dagli assaggi che abbiamo fatto personalmente possiamo prevedere (e augurare) lunga gloriosa vita a questo locale originale e dall’atmosfera coinvolgente.

Per un sommelier professionista il vino è tutto. Durante la serata di apertura ufficiale del locale, il 15 settembre, sono stati protagonisti una serie di tasting curati direttamente da grandi produttori come Ferghettina, Derbusco Cives e Berlucchi per i Franciacorta, i rossi Valtellina di Arpepe, le produzioni di Castello delle Regine dall’Umbria, i toscani Colline di Sopra di Montescudaio, dal pavese Conte Vistarino 1865 e dalla Campania i rinomati Feudi di San Gregorio. Anche la birra è stata ottimamente rappresentata dallo storico Birrificio Angelo Poretti con la Brown Ale e la Pale Ale. Per deliziare il palato degli ospiti è stato servito il pregiato Jamon Iberico Pata Negra de Bellota Jabugo, eccellenza assoluta importata dal maestro Beppi Bellavita della Fenice di Grassobbio.

Al Carroponte

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi